L'stituto Agrario di Feltre nasce nel 1972 come sede coordinata dell’I.P.S.A. di Castelfranco Veneto e diventa autonomo nel 1982. La sua nascita, allo scopo di sopperire alle esigenze formative del settore primario sentite nel territorio, è dovuta all’intervento di alcuni Amministratori locali che già negli anni ’50 avevano deciso di istituire corsi di agricoltura.

L’iniziale denominazione di Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura è stata sostituita con “Istituto per l’Agricoltura e l’Ambiente” (IPSAA) con il Decreto Ministeriale del 3 luglio 1995. Ciò ha dato modo di implementare la sperimentazione denominata “Progetto ‘92”, sottolineando la caratteristica “ambientale” della istruzione professionale agraria. L’Istituto è stato poi scelto per la sperimentazione successiva denominata “Progetto 2002”, per molti aspetti anticipatrice della riforma in atto.

Dal 1999 è stato intitolato a Don Antonio Della Lucia, sacerdote arciprete di Canale d’Agordo, originario di Frassenè Agordino ispiratore e promotore della prima latteria turnaria in Italia, fondata nel 1872, con lo scopo di sollevare dalla miseria la gente di quei paesi montani.

Dall’anno scolastico 2009-’10 a seguito dell’approvazione del nuovo percorso formativo di Istruzione Tecnica agraria, la scuola è diventataIstituto di Istruzione Superiore (I.I.S.) “Antonio Della Lucia”.

Sempre attento ai processi innovativi e di collaborazione con enti e altre istituzioni operanti sul territorio, dall’anno scolastico 2011-’12, in accordo con la Regione Veneto, l’Istituto ha attivato anche il percorso di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) per la qualifica di Operatore agricolo con indirizzo Selvicoltore e salvaguardia dell’ambiente, completando così il quadro dell’offerta formativa in ambito agrario. Dall’a.s. 17-18 viene attivato anche il corso post diploma ITS Biologico.

Forte del suo carattere da sempre “forestale” e convinto che il confronto e l’aggregazione siano cardini dello sviluppo di qualsiasi organizzazione, assieme agli Istituti “A. M. Camaiti” di Pieve Santo Stefano (AR), “F. Maneghini” di Edolo (BS), “P. Barbero” di Ormea (CN) e Fondazione “Edmud Mach” di San Michele all’Adige (TN) costituisce il pool delle scuole forestali storiche d’Italia, regolarmente costituito in Rete nel 2002.

Ma anche tutte le scuole agrarie del Veneto, nel 2003 si sono riunite in rete, formando dopo 10 anni una compagine più estesa ch’è l’attuale Rete delle Scuole agrarie del Triveneto di cui l’Istituto di Feltre è il capofila attuale.

L’Istituto è accreditato presso la Regione Veneto quale Ente di formazione per gli ambitiriguardanti laFormazione Superiore e l’Obbligo formativo.

Obiettivo base dell’azione didattica, costruita in quarant’anni di esperienza, è quello di far acquisire le competenze adeguate e un metodo di lavoro che, partendo dall’osservazione diretta dell’ambiente e dalla realtà operativa agraria e forestale, siano applicabili a tutti i settori ed alle opportunità di lavoro che attualmente vengono offerte ai giovani che seguono questi corsi di studi.

Una azione educativa, se vuole mantenere nel tempo la sua validità ed efficacia, non può sostenersi solo con l’impegno, la professionalità e la dedizione dei suoi operatori, benché decisivi, ma deve essere sostenuta da modalità e “buone pratiche” che si codificano e rimangono nel tempo. Per questo motivo, l’Istituto si è lasciato coinvolgere, primo nella realtà bellunese, nel Progetto Qualità iniziato in Regione nel 2001 con i percorsi di formazione che dovevano portare gli Istituti a certificarsi secondo le norme ISO 9000:2000 e che per il nostro Istituto è avvenuto nel 2004. Ciò ha consentito di instaurare una metodologia di controllo, soprattutto dei processi scolastici, per arrivare a un coinvolgimento totale di tutti gli operatori scolastici in una ricerca della qualità totale. Accanto al sistema Gestione Qualità secondo le norme ISO, l’Istituto ha partecipato, in una ottica di confronto e miglioramento continuo, ai Premi Qualità EFQM e CAF, ottenendo risultati anche a livello regionale. Pur non essendo certificato ISO 9000 dal 2010, l’Istituto non ha abbandonato le buone pratiche costruite, adattandole ai nuovi contesti emersi all’interno della scuola italiana. 

Ubicata in territorio montano, la scuola è inserita in un ambiente che è un "laboratorio naturale", oggetto di studio ed analisi da parte degli allievi. Un particolare interesse è rivolto alle aree protette come i Parchi: P. Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, P. Naturale delle Dolomiti Ampezzane, P. Naturale di Paneveggio-Pale di S. Martino; al massiccio del Monte Grappa; all'altopiano del Cansiglio; alla prima area Wilderness d' Europa della Val Montina a Perarolo di Cadore.

Inoltre, una stretta collaborazione viene mantenuta con il C.F.S., con i Centri meteorologici ARPAV di Teolo ed Arabba, con i Servizi Forestali Regionali, con Veneto Agricoltura, con il Corpo di Vigilanza Ambientale di Belluno, con le Amministrazioni locali e con tutte le Organizzazioni e gli Enti che operano sul territorio.

Già dagli anni ‘80, l'Istituto Agrario di Feltre opera anche in ambito internazionale, mediante contatti culturali, incontri di docenti e scambi tra le classi, all’interno di progetti promossi dall’Unione Europea. Sono stati attivati in passato rapporti con la Francia, sin dal 1988, tramite scambi tra le classi, stage ed altri progetti, con scuole agrarie dell’Austria, per la realizzazione di progetti speciali come Progetto Comenius (2000), i vari Progetti Interreg ITA-AUS dal 2004 al 2012; con la scuola professionale di Vilnius in Lituania e con l’istituzione scolastica di Albania. A partire dal settembre 2013 e sono annualmente rinnovati, sono stati attivati i progetti ERASMUS “ForestForlife” che prevedono stage lavorativi in Francia e Galles e “Move for the future” incentrato sull’apprendimento della lingua inglese a scuola e all’estero.

Continuano gli scambi e collaborazioni attive con la regione austriaca della Carinzia e in particolare col Centro Forestale di Ossiach, specialmente nell’ambito delle Olimpiadi forestali “Alpe-Adria”.

L’indirizzo di studi dell’Istituto e l’offerta didattica (Istruzione tecnica, istruzione Professionale, Formazione Professionale, corso post diploma ITS Biologico), che complessivamente viene fornita agli allievi, hanno fatto conoscere la scuola anche al di fuori della provincia di Belluno: attualmente un numero considerevole di allievi proviene da altre province, in particolare da Trento, Vicenza, Treviso e Pordenone.